Fornitura di zolfo nell'agricoltura biologica, produzione agricola, esperimenti: Camera dell'agricoltura Bassa Sassonia

Fornitura di zolfo nell'agricoltura biologica

Per molti anni, la fertilizzazione con zolfo è stata una pratica standard nell'agricoltura convenzionale, specialmente nel grano invernale e nella colza, e molti test hanno dimostrato la loro efficacia. La riduzione delle emissioni di anidride solforosa dall'aria, tuttavia, sta anche portando a una minore disponibilità di zolfo nell'agricoltura biologica e di conseguenza a livelli più bassi di S nelle piante.

Lo zolfo è un nutriente essenziale per la crescita delle piante. Oltre alle verdure crocifere come il colza, i legumi richiedono anche una grande quantità di zolfo. Lo zolfo è necessario per la sintesi di aminoacidi contenenti zolfo e per la costruzione del germoglio e della massa radicale della pianta. Soprattutto, tuttavia, la fissazione dell'azoto simbiotico è essenzialmente legata a una fornitura sufficiente di zolfo disponibile nelle piante. Se manca questo, le prestazioni di fissazione dei batteri noduli sono insufficienti e la sintesi proteica è ridotta. Ciò può avere conseguenze di vasta portata per l'intera rotazione delle colture.

Negli ultimi anni, numerose istituzioni hanno svolto numerosi lavori orticoli di prova sull'approvvigionamento di zolfo nei mangimi, legumi da grano e grano invernale nell'agricoltura biologica. Gran parte dei risultati sono stati inseriti in un opuscolo sullo zolfo.

Il gruppo di lavoro sull'agricoltura biologica, organizzato dall'Associazione delle camere agricole (VLK), ha pubblicato questo opuscolo sulla fecondazione dello zolfo nell'agricoltura biologica. La brochure è stata prodotta sotto l'egida dell'Istituto statale di ricerca per

Agricoltura e pesca Meclemburgo-Pomerania occidentale e il supporto tecnico della Camera dell'Agricoltura della Bassa Sassonia e del Centro di ricerca statale bavarese per l'agricoltura. La brochure è disponibile per il download qui sotto.