Gas nitrosi nella preparazione dell'insilato di erba – pericolo per l'uomo e gli animali, prati: Camera dell'agricoltura Bassa Sassonia

Il bel tempo viene usato qua e là per un raccolto molto precoce di erba da campo. Quando è ancora prevedibile l'insilato di piante foraggere sviluppate molto giovani con alti livelli di nitrato. Nell'insilamento, gran parte del nitrato viene degradato. I processi di rimodellamento inibiscono i batteri dell'acido butirrico, che all'inizio è buono. Tuttavia, i gas contenenti azoto sono pericolosi per la salute quando fuoriescono dalla catasta di mangime. Le ustioni chimiche ma anche i rischi di soffocamento minacciano. Maggiori informazioni su ciò che deve essere considerato.

In alcune fattorie foraggere nei prossimi giorni verrà pianificato l'insilato dell'erba di campo e quindi in parte in una fase molto precoce. Da un lato, si vorrebbe utilizzare le attuali buone condizioni meteorologiche per un rapido appassimento e insilamento senza infiltrazioni. D'altra parte, l'umidità residua del suolo non dovrebbe essere presa troppo del raccolto di cattura. In vista del raccolto successivo, la considerazione di una gestione efficiente dell'acqua è di facile comprensione.

Secondo gli esami del test di maturità, l'erba di campo è attualmente caratterizzata da un alto contenuto di proteine. Questo vale anche per l'insilamento.

Già lo scorso anno, la raccolta precoce del mais è stata segnalata dai gas marroni, che sono usciti dal silo.

Si tratta di gas contenenti azoto (gas nitrosi), che si verificano sempre in quantità maggiori se l'impianto contiene ancora nitrato sufficiente.

Nelle erbe giovani o di segale verde si può ipotizzare un elevato contenuto di nitrati.

Durante l'insilato, il nitrato viene scomposto enzimaticamente o microbicamente in più fasi. Occasionalmente si forma anche nitrito, di cui è noto un effetto inibitorio sui batteri dell'acido butirrico. Lo stadio finale delle operazioni di conversione dei nitrati sono i gas contenenti azoto (gas nitrosi) che fuoriescono dalla catasta di mangime.

I processi descritti sono tipici per la preparazione dell'insilato entro le prime due settimane di fermentazione e non rappresentano un deterioramento della qualità dell'alimentazione stessa.

Tuttavia, il verificarsi temporaneo di gas nitrosi è pericoloso, poiché i gas hanno un effetto mortale. Il gas provoca ustioni caustiche e, se inalato, soffocamento. Mentre i sintomi iniziali sono espressi solo in lieve tosse irritabile, dopo alcune ore può verificarsi un grave danno polmonare (edema polmonare). Quindi ti ammali, irrequieto e senza fiato. Come misura di primo soccorso in questo contesto, è importante fornire aria fresca ed essere sicuri di chiamare un medico.

Se la fuga dei gas viene osservata in modo così consapevole, come descritto sopra, la vicinanza al silo nel periodo dovrebbe essere evitata. I bambini non dovrebbero solo evidenziare questi pericoli, ma in linea di principio tenerli lontani dalle strutture del silo. Ciò vale non solo per il deflusso di gas nitrosi, ma generalmente per il gas di fermentazione. Raccogliere il siloplan entro i primi giorni di insilato è altrettanto importante quanto prelevare il campione dalla pila di mangime, che non è ancora stata completamente filtrata.


Riassumiamo

I gas azotati si verificano naturalmente durante la preparazione dell'insilato entro le prime due settimane di fermentazione. L'entità della formazione di gas dipende dal contenuto di nitrati e sostanza secca delle piante. Il processo non può essere influenzato dalla tecnologia dell'insilato e non ha alcun effetto sul valore dell'alimentazione.

Se i gas fuoriescono dal silo, rappresentano un grave pericolo per l'uomo e gli animali quando inalati.