Trova le aree verdi giuste con una WebApp – versione di prova dell'app – DEGA GALABAU la rivista per il giardino

È più veloce sapere quali spazi verdi sono disponibili nell'area e quali si adattano meglio alle proprie esigenze? – Nel progetto "meinGrün" viene creata un'app che fornisce le informazioni necessarie sugli spazi verdi accessibili al pubblico e sui percorsi lì. Una versione anticipata è ora disponibile per i test nelle città di Dresda e Heidelberg.

Che si tratti di rinfrescarsi nelle calde giornate estive, di fare una passeggiata in campagna, di fare un picnic in famiglia o di giocare a calcio con gli amici, gli spazi verdi urbani offrono spazio per attività di svago completamente diverse. Ma come si trova lo spazio verde adatto nei suoi dintorni? Ci sono aree nascoste che sono ancora sconosciute?

A queste domande risponde il progetto "meinGrün". Il team del progetto sta utilizzando una WebApp per sviluppare un'applicazione digitale che fornisce informazioni sugli spazi verdi pubblici. Dovrebbe aiutare a decidere quale area verde visitare. Inoltre, l'app mostra come raggiungere le aree verdi selezionate su percorsi pedonali e ciclabili particolarmente silenziosi o verdi.

I contenuti dell'app si basano su tre sondaggi in cui il team del progetto ha chiesto ai cittadini come usano gli spazi verdi e quali esigenze hanno in termini di attrezzature.

È ora disponibile una prima versione di prova dell'app meinGrün, la cosiddetta versione beta. Le parti interessate possono metterle alla prova per identificare ed eliminare eventuali errori prima della pubblicazione finale. Il team del progetto è in cerca di supporto nelle città di Dresda e Heidelberg. Le informazioni sono disponibili QUI.

Contatto presso l'Istituto Leibniz per lo sviluppo territoriale ecologico (IÖR): Dr. Ing. Kerstin Krellenberg e il dott. Med. Robert Hecht, e-mail: meingruen@ioer.de

sfondo

Il progetto è finanziato dal Ministero federale dei trasporti e delle infrastrutture digitali (BMVI) nell'ambito dell'iniziativa di ricerca mFUND, che si occupa di applicazioni basate su dati digitali per Mobility 4.0. Il consorzio del progetto è costituito dall'Istituto Leibniz per lo sviluppo territoriale ecologico (gestione del progetto) a Dresda, dal Centro dati di telerilevamento tedesco del Centro aerospaziale tedesco, dall'Istituto di cartografia dell'Università della tecnologia di Dresda e dall'Istituto di tecnologia geoinformazione Heidelberg dell'Università di Heidelberg per lo sviluppo di software e la consulenza EDP a Karlsruhe, nonché urbanista ad Amburgo e Terra Concordia a Berlino.

Ulteriori informazioni sul progetto: http://meingruen.ioer.info

L'Istituto Leibniz per lo sviluppo territoriale ecologico (IÖR) è un istituto di ricerca spaziale dell'Associazione Leibniz. L'IÖR sviluppa le basi scientifiche per lo sviluppo sostenibile di città e regioni in un contesto nazionale e internazionale. L'orientamento della ricerca mira a risposte a domande ecologiche di sviluppo sostenibile (www.ioer.de).

Le aziende devono anche pensare al momento successivo – DEGA GALABAU la rivista per il giardino

Il presidente della BGL Lutze von Wurm ricorda agli imprenditori di assumersi la responsabilità e di pensare al tempo successivo. © & nbspMartin Rottenkolber Abbiamo chiesto una dichiarazione alla Federal

DEULA resta a Frisinga – DEGA GALABAU è la rivista per il giardino

Molto vento per niente: dopo una possibile trasferta nel centro della Franconia, Triesdorf aveva causato per anni inquietudine alla forza lavoro della DEULA Bayern GmbH, aveva gli azionisti, l'Associazione dei

Requisiti per lo stoccaggio di letame e digestato da cortile, fertilizzante: Camera dell'agricoltura Bassa Sassonia

Specifiche del DüV per quanto riguarda lo stoccaggio di letame e digestato Per quanto riguarda lo stoccaggio del letame, DüV contiene requisiti sia diretti che indiretti. La fecondazione basata sui