Anno fiscale 2018/2019 nel segno della siccità, Comunicati stampa: Camera dell'agricoltura Bassa Sassonia

Oldenburg – L'estrema siccità nell'estate del 2018 ha fortemente influenzato i risultati economici del 2018/2019 *. "Nella media di tutte le aziende intervistate, i risultati sono scesi a circa 60.200 euro", ha dichiarato Gerhard Schwetje, presidente della Camera, un po 'incoraggiante. "Questo è un grande svantaggio di circa il 30 percento rispetto all'anno precedente, il bilancio quinquennale è chiaramente mancato", ha detto Schwetje in una conferenza stampa a Oldenburg, che si è svolta giovedì (28 novembre) dopo l'Assemblea della Camera. Conclusione di Schwetje: con oltre 2.200 ore di lavoro all'anno, molte aziende agricole hanno solo il minimo di sussistenza.

Il bestiame da latte e gli allevamenti di mangimi sono stati particolarmente colpiti nell'ultimo esercizio finanziario: alcune colture foraggere catastrofiche, che hanno reso necessarie costose acquisizioni, e il calo dei prezzi per il latte e la carne hanno messo sotto pressione le aziende in modo economico. "Rispetto all'ottimo anno precedente, i risultati dell'azienda sono diminuiti del 40 percento e hanno raggiunto una grandezza di 64.200 euro", ha affermato Schwetje.

A differenza, ad esempio, dei coltivatori di patate, i produttori di latte non sono in grado di compensare la loro scarsa produzione di erba e mais, alimentati internamente come insilato, attraverso un aumento delle vendite. Ciò ha portato molte aziende in difficoltà economica. "Il sollievo dalla siccità è stato quindi utilizzato principalmente dalle aziende lattiero-casearie", afferma Schwetje. Circa due terzi delle 3.500 applicazioni positive provenivano da allevamenti di foraggi.

Gli allevatori di suini, a causa dei bassissimi prezzi di macellazione e di suinetti, hanno avuto il peggior risultato dei quattro tipi di allevamenti esaminati. "Le società di trasformazione hanno raggiunto solo un risultato aziendale di 39.000 euro e sono quindi ben al di sotto della media quinquennale", ha affermato il presidente della Camera.

A causa di una depressione dei prezzi di lunga durata, la produzione di suinetti ha colpito più duramente. L'esplosione delle esportazioni di carne a seguito dello scoppio della peste suina in Asia è arrivata troppo tardi per influenzare i bilanci delle aziende di trasformazione ancora positivi.

Numeri un po 'più amichevoli che Schwetje chiamò per i seminativi. A causa della siccità, i rendimenti sono diminuiti in modo significativo, il che difficilmente potrebbe compensare prezzi migliori. Solo i coltivatori di patate potrebbero più che compensare il raccolto inferiore grazie a ottimi prezzi delle patate. "Alla fine, i risultati sono ammontati a 82.000 euro", ha dichiarato il presidente della Camera, parlando di "un anno eccezionale con un esito conciliante con la coltivazione delle patate". Le aziende agricole che operano in siti leggeri senza patate e senza irrigazione dovrebbero far fronte a risultati molto peggiori.

Il risultato delle società miste o combinate ha seguito la tendenza generale e si è ridotto di circa un terzo a circa 40.460 euro. Anche loro hanno perso la media quinquennale.

Alla luce delle cifre sopra riportate, molte aziende agricole sono state nuovamente in grado di operare in modo redditizio. Nella maggior parte dei casi, il capitale impiegato non ha ricevuto interessi adeguati e il lavoro delle famiglie manageriali non è stato adeguatamente remunerato. "Ciò è stato concesso solo al quarto superiore delle imprese", ha detto il presidente della camera. Il trimestre inferiore ha nuovamente registrato perdite nell'ultimo anno. Ecco la preoccupazione per il reddito familiare e la continua esistenza della propria attività particolarmente grande.

Schwetje ha ricordato che dai risultati operativi ancora le tasse, la vecchiaia e l'assicurazione sanitaria, i benefici pagati per i vecchi divisori e i nuovi investimenti. "Attualmente molti imprenditori possono solo sognare il salario minimo obbligatorio", ha concluso il presidente della Camera.

L'attuale esercizio finanziario 2019/2020 è di nuovo sotto l'impressione della siccità dell'estate passata. Per le coltivazioni di seminativi e prati Schwetje ha predetto "un anno molto difficile". In vista del secondo misero raccolto di foraggi consecutivi e del ristagno dei prezzi del latte e delle carni bovine, non si aspetta quasi risultati migliori per i caseifici.

Il raccolto di grano di quest'anno è stato migliore rispetto al catastrofico anno precedente. Tuttavia, i prezzi raggiunti finora sarebbero circa il dieci percento inferiori al livello dell'anno precedente. La speranza fa attualmente una leggera ripresa del mercato. Le sole società di trasformazione potrebbero sperare in risultati migliori con continue esportazioni di carne suina.

* La base di dati dei numeri citati è un campione rappresentativo di 850 aziende agricole nella Bassa Sassonia (rete di aziende agricole di prova). I loro conti annuali vengono valutati annualmente dalla Camera dell'agricoltura per conto del governo federale. La campagna di commercializzazione calcolata copre il periodo dal 1o luglio 2018 al 30 giugno 2019 e per le aziende lattiero-casearie dal 1o maggio 2018 al 30 aprile 2019.


Autorizzazione a utilizzare i comunicati stampa