Nuove strategie di frutticoltura nel vecchio paese, comunicati stampa: Camera dell'Agricoltura Bassa Sassonia

Jork – L'adattamento della frutticoltura alle condizioni del cambiamento climatico, le strategie future per la protezione delle colture e la promozione della biodiversità, nonché le sfide nella gestione delle risorse idriche per le aziende frutticole sono stati tra gli argomenti determinanti durante la visita di Miriam Staudte, portavoce dell'agricoltura e della nutrizione nel gruppo verde al parlamento dello stato della Bassa Sassonia , nell'istituto di ricerca sulla frutticoltura della Camera dell'agricoltura (LWK) Bassa Sassonia a Jork (distretto di Stade).

"Abbiamo bisogno di un sistema sperimentale indipendente e scientificamente funzionante, come qui per la frutticoltura, al fine di supportare le aziende produttrici nel modo più concreto possibile per affrontare sfide come i cambiamenti climatici e continuare a operare con successo", ha spiegato il direttore della camera Hans-Joachim Harms, che Il politico aveva invitato.

Il centro di sperimentazione della frutta LWK fa parte del centro di frutticoltura di Esteburg a Jork. La coltivazione di nuove varietà di mele, pere e ciliegie è in fase di sperimentazione su 25 ettari di area di prova. Nei laboratori e nei campi di prova, gli esperti analizzano le proprietà di qualità di numerose varietà esistenti e nuove di pomacee, nocciole e frutti di bosco. Obiettivo: raccomandazioni su misura per i frutticoltori.

Centro di competenza per la frutticoltura della Germania settentrionale

"Stiamo lavorando per l'ottimizzazione della conservazione varietale, perché ogni varietà di mela necessita di una composizione speciale dell'aria da ossigeno, azoto e anidride carbonica, i componenti principali naturali, durante i mesi di conservazione, in modo che rimanga duratura e gustosa", ha affermato il Dr. Karsten Klopp, capo dell'istituto di ricerca per la frutticoltura, un'area della ricerca attuale. Come centro di competenza per la frutticoltura della Germania settentrionale, l'Estburg si occupa di 1.000 aziende frutticole della Bassa Sassonia, Schleswig-Holstein, Meclemburgo-Pomerania occidentale, Renania settentrionale-Vestfalia e Sassonia-Anhalt.

I cambiamenti climatici stanno già lasciando chiare tracce nella Terra di Altes, ha riferito Klopp all'esperto agricolo verde: "A causa dell'aumento della temperatura e della stagione di crescita più lunga, nuove varietà di mele e pere prosperano meglio sull'Elba inferiore – ma allo stesso tempo aumenta il rischio di gelo dei fiori, pioggia pesante, siccità e insetti nocivi".

Come parte delle regolazioni del corridoio nell'area speciale e al fine di avere sempre abbastanza acqua disponibile per l'irrigazione antigelo, molti frutteti sull'Elba inferiore hanno ora creato stagni. "Ciò ha creato una nuova struttura di biotopi nella Terra di Altes, che ha portato a un aumento significativo della biodiversità", ha sottolineato l'esperto di frutticoltura della Camera dell'Agricoltura.

Protezione delle piante: i requisiti stanno diventando più severi

A causa della diminuzione del numero di ingredienti attivi approvati e dei requisiti più rigorosi, l'ulteriore sviluppo di strategie di protezione delle colture è un'area di lavoro chiave per l'istituto di ricerca sulla frutticoltura. "È molto importante sviluppare autonomamente i risultati della ricerca per essere in grado di offrire rapidamente soluzioni pratiche", ha affermato Klopp. Ad esempio, in Jork vengono condotti test su come gli spruzzatori a tunnel vengono utilizzati in modo tale da impedire la deriva dello spray e ridurre la quantità di agente di protezione delle colture utilizzata.

Durante la visita di Miriam Staudte sono state anche sollevate questioni come l'ambiente di mercato molto limitato per le varietà di mele tradizionali, l'influenza delle importazioni di frutta e le discussioni attuali sulla conservazione della natura, i diritti dei fertilizzanti e il futuro orientamento della politica agricola. "Come organizzazione specializzata, siamo ovviamente lieti di fornire le nostre conoscenze su richiesta in modo che la Bassa Sassonia rimanga il paese agricolo numero uno in Germania", ha sottolineato il direttore della Camera Harms. "Molte decisioni devono essere prese in considerazione in modo olistico, ad esempio in vista del mercato regionale e dei cambiamenti climatici globali, al fine di prevenire obiettivi contrastanti".

Oltre a Klopp e Harms, Johann Knabbe, agricoltore distrettuale dell'associazione degli agricoltori del distretto di Stade e presidente del comitato per le finanze e l'organizzazione della LWK, Jens Stechmann, presidente dell'anello di sperimentazione della frutticoltura nel vecchio stato, e Ralf Poppe, portavoce dei Verdi nell'associazione del distretto di Stade hanno preso parte alla conversazione con Miriam Staudte , parte.

L'Altes Land, sede della struttura di ricerca sulla frutticoltura della LWK a Jork, è la più grande area contigua di frutticoltura in Germania. Sul Niederelbe, circa 750 aziende agricole su 10.000 ettari producono circa 300.000 tonnellate di mele e pere all'anno, oltre alle famose ciliegie e altri frutti a nocciolo. Una terza mela prodotta in Germania proviene dal Niederelbe. Le varietà di mele più comunemente coltivate attualmente includono Elstar, Red Prince e Braeburn. Le varietà più recenti come Wellant e Kanzi sono ora conosciute dai consumatori e sono sempre più richieste.

Descrizione dettagliata dell'immagine: I due politici Verdi Miriam Staudte (fronte, centro) e Ralf Poppe (fronte, sinistra) si sono incontrati nella struttura di ricerca sulla frutticoltura (OVA) della Camera dell'agricoltura della Bassa Sassonia a Jork (distretto di Stade) per incontrare il Dr. Karsten Klopp (indietro, da sinistra), il direttore della camera Hans-Joachim Harms, Jens Stechmann, presidente dell'anello di sperimentazione della frutticoltura nella Altes Land, e Johann Knabbe, agricoltore distrettuale dell'associazione degli agricoltori del distretto di Stade e presidente del comitato finanziario e di organizzazione LWK.


Autorizzazione a utilizzare i comunicati stampa